Lavorare in Svezia,  Vivere in Svezia

Il mercato del lavoro in Svezia

Il clima negli ambienti di lavoro in Svezia è solitamente aperto ed informale. Gli Svedesi chiamano il proprio capo con il nome (non danno del lei/voi ma usano direttamente il tu), incoraggiano il lavoro di squadra, godono di orari flessibili, si affidano ad un abbigliamento casual e lottano costantemente per la parità dei sessi. Una lunga tradizione di politiche attive nel mercato del lavoro in Svezia e la presenza sostenuta dei sindacati hanno portato sia ad una forte protezione dei diritti dei lavoratori, sia ad ottenere un gran numero di benefici per la maggior parte dei dipendenti svedesi.

La storia dei sindacati in Svezia comincia dalla fine del IXX secolo. Quasi l’80% dei lavoratori svedesi è iscritto ad uno dei sindacati, compresi gli impiegati del settore pubblico e di quello privato. Uno dei principali ruoli del sindacato è quello di guidare e sostenere la contrattazione dei contratti collettivi. Si tratta di un sistema in cui i sindacati negoziano con i datori di lavoro per stabilire tutta una serie di diritti, dagli accordi salariali e per le vacanze fino al diritto di partecipare agli scioperi, che si applicano a tutti i dipendenti di un posto di lavoro.Ad esempio, come dipendente del settore sanitario, si ha diritto a ben 31 giorni di ferie pagate una volta compiuti i 40 anni. Il minimo legale è di 25 giorni di ferie pagate all’anno. A questi si devono aggiungere i 12 giorni di feste nazionali. Spesso capita che i datori di lavoro spingano i propri dipendenti a partecipare a dei corsi di formazione in modo da favorire il loro sviluppo sia a livello professionale che personale.

La sicurezza sul posto di lavoro è un concetto condiviso sia dai datori di lavoro che dai dipendenti e dai fornitori di attrezzature. Le leggi ed i regolamenti scritti riguardo agli ambienti di lavoro contengono misure per limitare i rischi, prevenire gli incidenti e altri strumenti per la tutela della salute fisica e mentale dei dipendenti.

Oltre ad essere sicuri, gli ambienti di lavoro svedesi sono anche noti per la loro correttezza, onestà e trasparenza. La responsabilità sociale delle imprese è fondamentale nella società svedese, in cui hanno grande importanza la tutela dei diritti umani, dell’ambiente e la lotta alla corruzione. Chiamatelo pretenzioso se volete, ma in Svezia è diffuso il pensiero che un approccio responsabile al “business” può cambiare in meglio sia la società che l’ambiente che ci circonda.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio
Giorgio
11 anni fa

Articolo molto interessante. Magari fosse così anche in Italia! Non ci ritroveremmo con i problemi della FIAT di questi giorni ed i lavoratori avrebbero dei diritti e delle garanzie come in altri paesi più avanzati.

spejtim
spejtim
11 anni fa

allora sono dell kosovo ex jugoslavia sono da 6 anni in italia ho permesso ce per tempo lungo limitato poso lavorare anche transferire in svezia grazie ciao saluti.

InSvezia
InSvezia
11 anni fa
Reply to  spejtim

Ciao!

Di solito quando si tratta di controllare se un permesso di soggiorno (in questo caso quello italiano) garantisca anche la possibilità di trasferirsi in Svezia per ragioni lavorative, e’ buona norma contattare gli uffici consolari e quelli dell’ambasciata del proprio paese di origine presenti sul territorio del paese nel quale ci si vuole trasferire. Tali uffici sicuramente cinoscono quelle che sono le normative europee, le tempistiche ed i documenti necessari per ottenere dei permessi di soggiorno, specialmente in questo caso, siccome la Repubblica del Kosovo non e’ ancora entrata a far parte dell’unione Europea.Ti consiglio quindi di dare un’occhiata al seguente link dell’ambasciata della Repubblica del Kosovo a Stoccolma http://www.ambasada-ks.net/se/?page=2,50

Buona fortuna!

Karina
Karina
11 anni fa

Per favore vorrei qualche informazione in merito a vivere e lavorare in Sweden …….. se parlo bene l’inglese e altre 3 lingue, Liceo Artistica con certificato di ceramista (ho lavorato in fabbrica dipinto nel cobalto, ecc), 3 anni di giurisprudenza , ma ancora purtroppo non laureata , ho una scuola di parrucchiera, ho lavorato cinque anni come segretaria ho conoscenza del PC molto bene (diversi programi ancjhe Corel Draw) ………. ho qualche possibilità di lavorare lì? sul tipo lavori in ceramica ma anche altro ……ho sentito che vanno bene questi lavori di artigianato …e vero? Che posibilita ho ?

InSvezia
InSvezia
11 anni fa
Reply to  Karina

Ciao Karina.
Per farti un’idea dei vantaggi e svantaggi di vivere e lavorare in Svezia, ti consiglio di dare un’occhiata ai diversi articoli di questo sito. Ti accorgerai che la Svezia è un paese capace di offrire buone opportunità e condizioni di lavoro per gli immigrati che imparano a comunicare in svedese. Per tutti quelli che invece conoscono l’inglese (fondamentale per sopravvivere) e qualche altra lingua europea, sarà più difficile riuscire ad entrare in contatto con le aziende locali. Nella maggior parte dei casi tali aziende, come d’altra parte accade anche in quasi tutti gli altri paesi europeri, a parità di qualifica ed esperienza, di fronte alla scelta tra l’assunzione di uno svedese o di un immigrato, tenderanno a preferire il primo. D’altro canto, le persone che si trasferiscono in Svezia ottengono più facilmente offerte da aziende che lavorano con mercati internazionali, potendo cosi sfruttare meglio le proprie conoscenze linguistiche.

Se hai intenzione di trasferirti in Svezia e cercare lavoro ti consiglio di provare a cercare tra gli annunci (molti scritti in svedese, ulteriore motivo per imparare la lingua locale ed ampliare le proprie possibilità) su https://www.insvezia.com/lavorare-come-consulente-in-svezia-attraverso-le-bemanning-foretag.html e https://www.insvezia.com/trovare-lavoro-in-svezia-una-prima-lista-di-siti-utili-per-cercare-lavoro-in-svezia.html .

Purtroppo non sono un esperto di lavori con la ceramica. Probabilmente all’ufficio di collegamento (http://www.arbetsformedlingen.se/Globalmeny/Other-languages/Languages/English-engelska.html) hanno maggiori informazioni al riguardo.

Buona fortuna!

Aldo Perris
10 anni fa

Sono un musicista con 35 anni di curriculum alle spalle. Compositore, arrangiatore, polistrumentista, didatta, suono tutti i generi musicali in tutti i contesti Cinema, TV, teatro, Stage, ecc… chiedo rifugio politico in Svezia ed un lavoro per le mie competenze.

7
0
Would love your thoughts, please comment.x