Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Ikea aprirà in Europa 100 hotel per pernottamenti low-cost

Ikea aprirà in Europa 100 hotel per viaggiatori alla ricerca di pernottamenti low-cost

Il futuro dell’Ikea non sarà legato solamente ai mobili d’arredamento ma anche a veri e propri investimenti nel settore immobiliare.

Nelle prossime settimane verranno infatti presentati il progetto e l’area nella quale il colosso Svedese aprirà il primo hotel in Germania.

Ikea ha già avviato delle trattative con gli operatori alberghieri per attuare in tempi rapidi il proprio concetto.

La struttura di bilancio sarà lanciata attraverso Inter Ikea, la società che detiene i diritti di proprietà intellettuale di Ikea.

Gli hotel non porteranno però il marchio Ikea, nè tanto meno le camere saranno arredate con mobili dell’azienda svedese. Questi alberghi offriranno piuttosto tariffe contenute per i viagggiatori, affidandosi ad operatori già presenti sul territorio.

A detta di Harald Müller, amministratore delegato per Inter Ikea, la strategia dell’azienda sarà quella di spogliare gli alberghi di tutto ciò che apparirà inutile, come adesempio i ristoranti, prediligendo invece buone colazioni, connessioni internet ad alta velocità, check-in rapidi ed assenze di check-out.

Secondo le prime indiscrezioni l’Ikea aprirà in Europa circa 100 hotel pensati per i viaggiatori alla ricerca di pernottamenti low-cost.

Ultimanente l’azienda svedese sta anche cercando di finanziare la costruzione di alloggi per studenti in tutto il continente.

Tutto questo, secondo il giornale svedese Svenska Dagbladet (SVD), fa parte di un piano di investimenti a lungo termine che prevede aperture di alberghi in Polonia, Paesi Bassi, Regno unito e Germania.

Solo la settimana scorsa Inter Ikea ha rivelato che il marchio Ikea è stato valutato a 75 miliardi di corone (11,2 miliardi dollari), un valore che per gli esperti del settore sembra essere

un prezzo “ragionevole”.

Il marchio Ikea si colloca 89-esimo tra le prime 100 aziende più valutate al mondo, il secondo più alto in Svezia dietro al gigante d’abbigliamento H&M.

Condividi questo articolo!
Commenti Facebook