Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Stoccolma è la capitale verde d'Europa 2010 -

Stoccolma è la capitale verde d’Europa 2010

Stoccolma è diventata la prima capitale verde d’Europa nel 2010, grazie ai suoi ampi sforzi per migliorare la qualità della vita in città.

I punti di forza sono l’impegno nella riduzione dei rumori, nella gestione integrata dei rifiuti e nella depurazione delle acque: difatti, dal 2006, la città si è dotata di un sistema di protezione delle acque mirato a fornire tecnologie depurative ecosostenibili.

Grandi prati curati e liberamente accessibili, distribuiti su tutta l’area della capitale, senza distinzione tra centro e periferia, permettono alla comunità di godere di innumerevoli spazi verdi. L’intera città è attraversata da piste ciclabili. Il comune mette a disposizione diverse “stazioni di biciclette” dalle quali i cittadini, muniti di un abbonamento stagionale, possono prendere in affitto i mezzi di trasporto a emissione zero.

Le emissioni del sistema di trasporti pubblici e del traffico sono relativamente basse, soprattutto se si pensa che tutti i mezzi pubblici sono alimentati con energia proveniente da fonti rinnovabili

E’ importante ricordare che la Convenzione di Stoccolma, il cui intento è quello di eliminare gradualmente la produzione e l’utilizzo di sostanze inquinanti organiche permanenti, è stata in gran parte un’iniziativa svedese.

Ma l’approccio “green” non è solo prerogativa della capitale. Di fatti, un terzo di tutta l’energia usata in Svezia proviene da fonti rinnovabili. Quasi la totalità delle famiglie svedesi si impegna con attenzione al riciclo. Il 96% di tutti i rifiuti domestici viene riciclato, sia sottoforma di materia prima che di energia.

La prima casa “plus energy”, ovvero che produce un quantitativo di elettricità superiore a quanta ne usi e che ridistribuisce l’eccedenza nella rete elettrica nazionale, è in costruzione fuori Lund nella Svezia meridionale.

Condividi questo articolo!
Articolo precedente

There are no older stories.

Commenti Facebook