Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

La nave dei Pirati dei Caraibi attracca a Stoccolma -

La nave dei Pirati dei Caraibi attracca a Stoccolma

La Bounty è probabilmente una delle navi più famose e conosciute al mondo. E’ comparsa in diversi film e spettacoli televisivi. Recentemente ha ospitato artisti del calibro di Stellan Skarsgård e Johnny Depp durante le riprese del film d’animazione prodotto dalla Disney, “I Pirati dei Caraibi”.

Attualmente la Bounty è impegnata a solcare le acque del Mar Baltico. E’ intenzione del capitano Robin Walbridge, che ne è stato a capo per 16 anni, condividere la bellezza della nave con il pubblico, proprio nella realtà e non solo sul grande schermo. Tra le sue tappe programmate v’è anche quella di Stoccolma, per la gioia e fortuna degli svedesi e dei turisti presenti in questo periodo. La nave rimarrà ormeggiata a Skeppsbron, nei pressi del ristorante Loch & Quay.

La nave e il suo equipaggio, partiti da Porto Rico in aprile, hanno già toccato le coste dell’Inghilterra, Irlanda, Belgio e Polonia, prima di approdare in Svezia: Lasceranno Stoccolma questo martedì per viaggiare verso nuove destinazioni e ritornare a Porto Rico nel mese di dicembre.

La Bounty è stata costruita nel 1960 per il film di Marlon Brando “Mutiny on the Bounty”: è una replica della nave mercantile originale costruito nel 1789, su cui è basato il film. Il Bounty è di 53 metri di lunghezza e 35 metri di altezza ed è un terzo più grande nave originale.

Si racconta che originariamente la nave doveva essere data alle fiamme nel film del 1962, ma Marlon Brando ne divenne così affezionato che minacciò di interrompere le riprese qualora questo fosse avvenuto.

La Bounty ha fatto la sua comparsa anche nel film “L’isola del tesoro” del 1992. Durante la permanenza a Stoccolma il capitano e l’equipaggio guideranno i visitatori attorno alla nave per raccontare la storia sia della Bounty originale, che del suo alter-ego diventata così famosa sul grande e piccolo schermo.

Condividi questo articolo!
Commenti Facebook