Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Geografia della Svezia

La geografia della Svezia

Il territorio della Svezia si sviluppa su un’area di 449,964 km quadrati ed una lunghezza massima nord-sud di 1574 km. A causa delle sue dimensioni contenute, questo paese non offre grandi varietà di paesaggio; la geografia della Svezia è rimasta uguale a quella dell’ultima glaciazione.

Con un territorio piatto ed aperto, la regione dello Skåne è molto simile alla Danimarca, mentre l’area più settentrionale è caratterizzata da ampie foreste e colline con vette discrete. Alla costa rocciosa occidentale, famosa per i fiordi ed i suoi scogli, è contrapposta quella orientale dominata dalla moltitudine di isole che compongono il favoloso arcipelago di Stoccolma.

L’isola di Öland e l’isola di Gotland sono per la maggior parte caratterizzate da roccia calcarea ed arenaria.

Sul territorio svedese si contano approssimativamente più di 100 mila laghi. Il Mälaren rappresenta il cuore della nazione, sebbene il Vänern nel centro-sud del paese, sia di gran lunga la distesa d’acqua dolce più ampia.

Nella regione del Norrland si trovano vaste foreste attraversate da fiumi e piccoli laghi. Le distese di alberi tendono a diradarsi nello Jämtland e Lappland, lasciando spazio alle montagne che costituiscono la frontiera naturale di questo paese con la Norvegia.

La suddivisione geografica del regno di Svezia è abbastanza complessa. Due regni, unitisi nel XI° secolo, hanno costituito la parte meridionale del paese: Götaland nel sud e Svealand nel centro. Tutto ciò che si trova più a nord dello Svealand è chiamato Norrland.

Le 25 regioni storiche, basate sulla condivisione di dialetti cumuni, rimangono come denominatori per l’identità dei propri abitanti e la base per i servizi di promozione turistica. Vi sono poi 21 amministrazioni regionali incaricate di gestire i trasporti pubblici ed i musei.